We use cookies - they help us provide you with a better online experience.
By using our website you accept that we may store and access cookies on your device.

Stadio: redditività di un investimento

Partendo da un'attenta analisi finanziaria sulla dinamica dell'ammortamento dei costi d'ampliamento, analizzeremo la convenienza o meno di un eventuale sovradimensionamento dell'impianto sportivo, arrivando alla conclusione che se i risultati sportivi della squadra non sono più che buoni ci potrebbero addirittura volere quasi 5 stagioni intere solo per recuperare i soldi spesi nel caso di una squadra che viaggia a metà classifica.

Ogni manager di Hattrick ha un compito difficile ma stimolante: creare dal nulla (o quasi) una squadra forte, con un'economia solida e successi sportivi nel breve e lungo periodo.

Analizziamo l'opportunità d'investimento che ha dato fino ad oggi la maggiore possibilità di diatriba tra utenti: lo stadio.

Lo stadio ha indubbiamente un ruolo fondamentale per un manager: ci permette di incassare nelle partite casalinghe i soldi che servono a "far girare la baracca".
Ovviamente può e deve essere ampliato, per permetterci sempre maggiori entrate economiche, sinonimo di maggiore competitività.

Ma quanto rende uno stadio e da quando il maggior incasso si trasforma in voce attiva?



AMPLIARE LO STADIO: QUELLO CHE SERVE SAPERE

Leggendo nei vari forum e guide sugli stadi, ho notato che non compare mai, nei conteggi, un'indicazione temporale di ammortamento della spesa sostenuta.

L'ammortamento è, in economia (hattrickiana), la suddivisione della spesa effettuata per l'ampliamento in un numero di partite sufficienti a coprire il totale speso.

Ad esempio, se per ampliare lo stadio ho speso 100.000€ e grazie a questo aumento ho un ricavo di 10.000€ in più a partita, servono almeno 10 partite (10.000 x 10 = 100.000) per pareggiare l'investimento fatto.

Analizziamo la differenza tra lo stadio con il quale tutti noi abbiamo iniziato (12.000 unità) e uno ampliato a 16.000 unità (in base alle percentuali che i vari tool sugli stadi suggeriscono):



N° PostiCosto Sett.Max IncassoUtile Bisett.
12.000 7.100€ 98.500€ 84.300€
16.00010.667€151.796€130.462€


Tenendo presente che il costo sostenuto per l'ampliamento ammonta a 368.695€ per calcolare quanto tempo serve per ammortizzare l'investimento basta dividere il totale della spesa per il maggior utile:

368.695 : 46.162 = 8

Quindi supponendo di ottenere ALMENO 8 partite con il 100% di spettatori paganti dalla partita successiva si ottiene un UTILE di 46.162 € in più a partita.

E se non si fanno otto partite da tutto esaurito consecutive?

E' chiaro che, in questo caso, i tempi di ammortamento si allungano.
Non di poco, tenendo presente che, sul numero di spettatori di una partita, incidono molti fattori, tra cui la situazione di classifica della squadra ed il meteo, che non è situazione determinabile dal manager.

In conclusione, dopo l'ampiamento dello stadio, e per almeno le successive due stagioni, il rendimento della struttura non rappresenta un incremento dell'utile.

Tenendo comunque presente che ogni stadio va ampliato, sappiamo però ora come influisce l'ammortamento della spesa sostenuta e da quando l'impianto (leggasi investimento) inizia a generare degli utili veri.

Passiamo ora ad analizzare il caso di un manager che decide di sovradimensionare lo stadio, seguendo le indicazioni di un recente studio (14167) che spiega come sovradimensionare per massimizzarne i ricavi.


SOVRADIMENSIONARE LO STADIO: QUELLO CHE SERVE SAPERE

Applichiamo i dati delle tabelle dell'articolo sullo stadio citato, relativi ad un team di VI serie, con fanclub di 2.000 tifosi e primato in classifica:
si suggerisce un impianto di 60.000 posti, che garantirebbe un'affluenza media di 54.000 spettatori (90%).

Se usiamo le tabelle del sito (http://nrgjack.altervista.org/eco.php) la giusta dimensione dovrebbe essere invece di 46.000 posti.

Le spese di costruzione dei 14.000 posti in più, sempre ripartiti nelle percentuali suggerite dai vari tool disponibili online, ammonta a 936.055€.

Analizziamo le differenze di rendimento dei 2 impianti, simulando 2 ipotesi, la prima con affluenza 100% nello stadio regolarmente dimensionato e la seconda con affluenza identica.



Tipo StadioN°SpettatoriIncassoCosto Sett.Utile Bisett.
Dimensionato46.000(100%)436.427€31.367€373.693€
Sovradimensionato54.000(90%)528.742€40.913€446.916€


Sottraendo il maggior costo di gestione d'impianto si ottiene (nel caso dello stadio sovradimensionato) un utile settimanale mediamente maggiore di 36.611€. [(446.916-373.693) : 2]

Per calcolare quanto tempo serve per ammortizzare la spesa di sovradimensionamento basta dividere il totale della somma investita per il maggior utile:

936.055: 36.611= 25,56 (settimane di ammortamento)

Per un confronto puramente matematico, supponiamo anche di avere la stessa percentuale di affluenza anche nello stadio dimensionato (in realtà è molto improbabile, perchè si presume che, in questo caso, qualche tifoso venga "lasciato fuori" e quindi l'affluenza risulterebbe maggiore del 90%):



Tipo StadioN°SpettatoriIncassoCosto Sett.Utile Bisett.
Dimensionato41.400(90%)405.372€31.367€342.638€


In questo caso sottraendo il maggior costo di gestione d'impianto si ottiene un utile settimanale medio di 52.139€.

936.055: 52.139= 17,95 (settimane di ammortamento)

Analizziamo ora il caso di una squadra quarta in classifica.


L'affluenza che ci dobbiamo aspettare secondo lo studio scende a 42.000 (70%) spettatori a partita mentre la giusta dimensione consigliata dal sito scenderebbe a 35.000 unità:



Tipo StadioN°SpettatoriIncassoCosto Sett.Utile Bisett.
Dimensionato35.000(100%)332.045€23.334€285.377€
Sovradimensionato46.000(70%)411.245€40.913€329.419€


Sottraendo il maggior costo di gestione d'impianto si ottiene (nel caso dello stadio sovradimensionato) un utile settimanale mediamente maggiore di 22.021€.[(329.419-285.377) : 2]

Visto che l'ampliamento da 35.000 posti a 60.000 costerebbe 1.717.630 € per calcolare quanto tempo serve per ammortizzare la spesa di sovradimensionamento basta dividere il totale della somma investita per il maggior utile:

1.717.630 : 22.021= 78 (settimane di ammortamento)

Seconda ipotesi (con stessa % di affluenza nello stadio regolarmente dimensionato):



Tipo StadioN°SpettatoriIncassoCosto Sett.Utile Bisett.
Dimensionato24.500(70%)232.431€23.334€185.763€


Calcolando le maggiori spese settimanali si ottiene un maggior utile di 143.656 € bisettimanale (71.828 € settimanale).

1.717.630 : 71.828 = 23,91 settimane


CONCLUSIONI


A fronte di un sovradimensionamento d'impianto che permetta di massimizzare i ricavi, nella migliore ipotesi possibile, si passa da un periodo ulteriore d'ammortamento che si attesta tra le 18 settimane (ottimistiche) alle 25/26 settimane per una squadra prima in classifica.

Per una squadra quarta in classifica invece servirebbe un periodo dalle 24 settimane (ottimistiche) alle 78 settimane; ovviamente se la classifica è peggiore il periodo d'ammortamento dell'investimento sale a dismisura.

Non bisogna assolutamente sottovalutare il fatto che questi conteggi sono più realistici se si considera il periodo più lungo perchè in uno stadio dimensionato la percentuale d'affluenza è sicuramente maggiore rispetto all'ipotesi dello stadio sovradimensionato (anche perchè in caso contrario non sarebbe necessario sovradimensionare l'impianto).

Ai più non sarà passato inosservato il fatto che nei conteggi relativi agli ammortamenti manchi la valutazione degli incassi delle amichevoli e/o delle coppe.
Per quanto riguarda le amichevoli incassi inferiori alle 12.000 presenze non sono da considerare in quanto inferiori alla capienza dello stadio iniziale; per le coppe invece viene difficile quantificare la differenza tra i 2/3 dell'incasso (in caso di match casalingo) di uno stadio dimensionato rispetto al sovradimensionato.

Il tutto fa comunque dedurre che i conteggi relativi all'ammortamento indicati siano comunque molto vicini alla realtà, poichè viene effettuato un conteggio di settimane "piene" anche se in una stagione di 16 settimane si giochi in effetti solo in 14 di queste (quindi anche nel caso si giochino alcune partite in coppa in casa, la cifra servirebbe per pareggiare l'incasso mancante della 16esima settimana).

Altro particolare da considerare è il fatto che, in qualsiasi caso, le settimane di ammortamento del costo di sovradimensionamento vanno ad aggiungersi a quelle dei precedenti ampliamenti, se non già interamente ammortizzate.

Alla luce di tutto ciò, supponendo di avere a disposizione una somma da investire, quale investimento prediligere per una resa economica sicura?

E' più redditizio investire nuovamente nello stadio sovradimensionandolo (considerando che nella migliore delle ipotesi servono almeno 2 stagioni d'ammortamento dei costi sostenuti) oppure a pari condizioni investire in un nuovo allenando?
Se alleniamo un giocatore con costanza per due stagioni, a quanto lo possiamo rivendere? Di certo, con 32 settimane d'allenamento qualsiasi giocatore vede il suo valore aumentato in maniera esponenziale, sicuramente più redditizio dell'aumento del profitto da entrate nello stadio sovradimensionato. Senza considerare che, a pari costi, magari di giocatori da allenare se ne è comprato più di 1....

Nello stesso periodo di tempo, l'allenando eventualmente venduto, genera una cospicua (e immediata) entrata di cassa, mentre lo stadio inizia a generare ulteriori utili dall'avvenuto ammortamento in avanti.

Oppure, che dire di investire la stessa cifra in uno o più giocatori che facciano aumentare il livello qualitativo della squadra, per puntare a vincere il proprio girone ed essere promossi? La stagione successiva si avranno proventi maggiori da sponsor e tifosi....

Quindi qual è la soluzione migliore? Dimensionare uno stadio o sovradimensionarlo?

Probabilmente la soluzione ideale è sempre quella di diversificare gli investimenti in maniera equilibrata, senza eccedere in uno al dispetto dell'altro, specie per quanto riguarda la questione "stadio", dove abbiamo visto come i risultati sportivi influenzino pesantemente il meccanismo di recupero della somma investita.

Il fatto di dover sostenere subito il totale costo dei lavori pesa molto sulla valutazione di convenienza o meno dell'investimento: diverso sarebbe il discorso se, come avviene nella realtà, si potesse scegliere di pagare a "rate" l'investimento, una sorta di "mutuo" con un numero di settimane di durata in base all'importo totale, magari riconoscendo alla banca anche gli interessi.
L'investimento renderebbe da subito, e, in questo caso, sarebbe conveniente sovradimensionare lo stadio per ottimizzarne il ricavo.

Come si deduce a conti fatti uno stadio adatto alle esigenze della nostra squadra è sicuramente un punto di forza nel lungo periodo, ma risultati sportivi negativi oppure un'eccessivo sovradimensionamento della struttura possono essere addirittura dannosi per la nostra economia.

Non esiste una regola certa o un manuale da seguire alla lettera, e forse è proprio questo il bello di Hattrick...

Voi seguite il vostro istinto, ma soprattutto fate i vostri conti e ampliate con cautela...

Non è tutto oro quello che luccica.

Segui la discussione sul forum: (15498287.1)

NdA:Questo articolo è stato prodotto per dare una visione a 360° della questione finanziaria relativa allo stadio, affinchè chiunque possa valutarne pro e contro.

2012-02-11 12:58:14, 4457 views

Link directly to this article (HT-ML, for the forum): [ArticleID=14609]

 
Stage